Città metropolitana

13° congresso regionale Legacoop Toscana

Share
CONDIVIDI
martedì 26 marzo 2019

Tra le linee di azione emerse anche la promozione di una nuova cooperazione, dal workers buyout a forme cooperative innovative che integrino stakeholders diversi per una nuova idea di welfare

Il 13° Congresso regionale Legacoop Toscana si è svolto a Firenze durante la giornata del 22 Marzo, presso la sede di Confcommercio in Piazza Mettana. In punti salienti della discussione sono numerosi ma importanti e strategici. I relatori hanno parlato di un nuovo percorso di crescita per le cooperative, che ne supporti il riposizionamento attraverso un’implementazione delle professionalità associative e una riconfigurazione dei centri servizi. Tra le linee di azione emerse anche la promozione di una nuova cooperazione, dal workers buyout e forme cooperative innovative che integrino stakeholders diversi per una nuova idea di welfare: aumentare la partecipazione consapevole dei soci attraverso corsi di formazione rivolti non solo ai consiglieri di amministrazione ma a tutti i soci e studiando adeguati modelli di partecipazione in rapporto alle dimensioni dell’impresa. Per supportare la ripresa di una socialità dal basso Legacoop Toscana continuerà a promuovere il modello delle Cooperative di comunità e sperimenterà un bando per rilanciare e sostenere le iniziative di promozione sociale, culturale ed economica e dei circoli cooperativi aderenti (che sarà aperto dal 1° aprile al 14 giugno, con 4 premi da 2.500 euro ciascuno), perché tornino a essere punti di riferimento per i cittadini. L’incontro ha visto la presenza con un discorso di saluto del Sindaco Metropolitano di Firenze Dario Nardella che ha sottolineato come il modello delle cooperative toscane si imprescindibile nel presente e nel futuro dell’economia metropolitana e regionale.

 

C’è anche l’intento di creare una rete tra i soci lavoratori delle cooperative aderenti a Legacoop per promuovere la nascita di una comunità di persone che si identifichi nei valori della cooperazione e di sostenere un rinnovamento della classe dirigente prevedendo percorsi di formazione di alto livello in cui i cooperatori storici si confrontino con quelli più giovani. Con il 13° Congresso regionale si completa il percorso di riorganizzazione del movimento cooperativo regionale aderente a Legacoop: “un riassetto che renderà Legacoop Toscana più snella ed efficiente” – afferma Roberto Negrini, riconfermato presidente dall’assemblea – “in grado di dare ancora più attenzione ai territori, incrementando le professionalità e la capacità di offrire servizi di qualità alle nostre imprese”.

Cesare Martignon

Tags: