Città metropolitana, comuni, firenze

Affido familiare: appello di Conti, Pieraccioni e Panariello

Share
CONDIVIDI
lunedì 14 gennaio 2019

Un pomeriggio di festa a Palazzo Vecchio per ringraziare le persone che hanno preso bambini e bambine in affido e per ricordare che ci sono ancora 20 minori in attesa di una famiglia

Carlo Conti, Leonardo Pieraccioni e Giorgio Panariello hanno incontrato le famiglie che hanno preso in affido un bambino o una bambina tramite il Comune di Firenze. L’incontro si è tenuto in Sala D’Arme a Palazzo Vecchio, con la presenza del sindaco Dario Nardella, l’assessora al welfare e alle pari opportunità Sara Funaro e l’assessore allo sport Andrea Vannucci. Hanno partecipato un centinaio di persone, tra cui oltre 50 minori accompagnati dai loro genitori e le realtà sociali vicine al mondo dell’affido familiare. Conti, Pieraccioni e Panariello hanno lanciato un appello a favore dell’affido di minori in situazione di difficoltà, che può essere realizzato da famiglie con o senza figli, coniugati, conviventi o single senza limiti di età adattandosi alla disponibilità di tempo degli affidatari: a tempo pieno, part-time o solo diurno.

Giorgio Panariello ha raccontato la sua storia per sottolineare l’importanza dell’affido familiare per garantire l’affetto e il calore familiare ai minori in difficoltà.

Carlo Conti ha ringraziato le famiglie affidatarie, sottolineando l’esempio positivo che rappresentano, per l’amore che danno ai minori che accolgono.

Il Sindaco di Comune e Città metropolitan di Firenze, Dario Nardella ha lanciato un appello per coinvolgere nuove persone e famiglie nella pratica dell’affidamento.

Ci sono ancora 20 minori che aspettano una famiglia o una persona che possa prenderli in affido. Da Palazzo Vecchio parte l’appello per invitare chiunque sia interessato a recarsi in Comune e dare la disponibilità a prendere in affido un bambino o una bambina.

Monica Pelliccia

Tags: