Città metropolitana

Arte: a Firenze “La botanica di Leonardo”

Share
CONDIVIDI
venerdì 20 settembre 2019

Allestimento nel Museo di Santa Maria Novella: per una nuova scienza tra arte e natura

Tavole originali del Codice Atlantico della Veneranda Biblioteca Ambrosiana, installazioni interattive e piante reali creano un appassionante percorso attraverso le intuizioni e le innovazioni di un pensiero “sistemico”, capace di combinare arte e scienza, e di guardare alla vita e alla natura (uomo incluso) come un’entità unica in cui tutto è connesso e tutto è in movimento.
Intuizioni delle quali Leonardo si fa portavoce attualissimo ancora oggi.

L’esposizione è allestita all’interno degli spazi del Complesso monumentale di Santa Maria Novella, nel Dormitorio e nel Chiostro Grande. Luoghi che hanno un importante collegamento biografico con Leonardo da Vinci.
Ce ne parla Fritjof Capra, curatore della mostra insieme a Stefano Mancuso e Valentino Mercati.

Il percorso di visita si apre già nel Chiostro grande, con cinque monumentali polièdri regolari, disegnati da Leonardo per compendio al “De Divina Proportione” di Luca Pacioli, simboli di armonia e perfezione formale, ma anche di complessità e mistero, tanto del mondo, quanto della natura. Altri poliedri sono diffusi in città, da Piazza della Signoria a piazza stazione.

All’interno del Dormitorio, un allestimento quasi straniante, tra alberi, foglie, intrecci, piante dipinte e reali, documenti originali e riproduzioni di alcuni dettagli naturali delle opere di Leonardo.

La mostra, visitabile fino al 15 dicembre, è ideata e prodotta da Aboca, che ha scelto di concentrarsi su questa mostra

Il coordinamento scientifico è a cura di Valentina Zucchi di MUS.E. L’organizzazione è di Aboca e MUS.E.

Tutte le info, gli orari delle visite guidate e gli eventi correlati, anche per bambini su
www.labotanicadileonardo.it.

Agnese Fedeli

Tags: