Città metropolitana, firenze

Consiglio metropolitano, passa a maggioranza la rinegoziazione del contratto energetico

Share
CONDIVIDI
venerdì 15 marzo 2019

Voto contrario dell’opposizione: gli interventi dei consiglieri Carpini e Albanese. Riconosciuti cinque debiti fuori bilancio: ne ha parlato il consigliere Pescini

Si è svolto mercoledì 27 febbraio il Consiglio della Città metropolitana di Firenze. Sei i punti all’ordine del giorno, alcuni passati all’unanimità, un altro, invece, a maggioranza. Si tratta dell’autorizzazione alla rinegoziazione del contratto “servizio energia e servizi connessi” che ha visto il voto contrario dell’opposizione.
Non d’accordo con il consigliere Carpini chi ha illustrato questo atto in aula, la consigliera delegata Albanese.
Grazie a questa rinegoziazione, in vari edifici, non solo scolastici ma anche proprio in palazzo Medici Riccardi, verranno sostituite per esempio le plafoniere interne ed esterne per far posto alla tecnologia led.
Approvato all’unanimità, invece, l’accordo di programma tra la Regione Toscana, la Città metropolitana, il Comune di Firenze e la Camera di Commercio per la disciplina dei lavori da realizzare alla Fortezza da Basso. Secondo il primo stralcio del piano saranno realizzati un primo intervento sulle mura e poi altri interventi al padiglione Bellavista, all’ex liceo Machiavelli ed ai padiglioni Cavaniglia e Spadolini. Il costo complessivo per la realizzazione di tutti i lavori è di 140 milioni di euro e, secondo questo accordo, l’importo massimo a carico della Metro Città sarà di 12.067.000 euro.
Poi si è parlato del riconoscimento dei debiti fuori bilancio, che sono in tutto cinque.
Sono pagamenti di spese legali per piccole somme, come ha fatto sapere concludendo il consigliere Pescini.

Marco Gargini

Tags: