Città metropolitana

Consiglio metropolitano, sì al coordinamento del servizio taxi nel territorio della cintura

Share
CONDIVIDI
venerdì 16 dicembre 2016

L’atto è stato fortemente voluto dal sindaco di Scandicci Sandro Fallani. Recepite le nuove normative dalla legge scavi sulla banda larga e ultralarga

Si è riunito mercoledì 14 dicembre il penultimo Consiglio metropolitano del 2016.

Approvate all’unanimità le modifiche statutarie alle società partecipate Florence Multimedia e Linea Comune. Il punto nevralgico del Consiglio è rappresentato dalla delibera, approvata all’unanimità, presentata dal sindaco di Scandicci e consigliere metropolitano, Sandro Fallani, sul coordinamento del servizio dei taxi nel territorio della Città Metropolitana di Firenze. Il compito di questo documento di indirizzo è quello di avviare un percorso di integrazione organizzativa dell’autoservizio di taxi, per il quale è già stata sottoscritta una convenzione per una gestione unificata del servizio tra i Comuni della cintura metropolitana: Sesto Fiorentino, Bagno a Ripoli, Fiesole, Impruneta, Campi Bisenzio, Signa, Lastra a Signa, Calenzano e, naturalmente, Scandicci.

Prima del Consiglio metropolitano, il sindaco metropolitano Dario Nardella e lo stesso Fallani hanno incontrato una rappresentazione di tassisti. Chi, durante lo svolgimento dei lavori, ha avanzato qualche obiezione è stato il consigliere di Opposizione

Non solo taxi. Il sindaco sancascianese e consigliere metropolitano, Massimiliano Pescini, ha introdotto un atto sul Canone Occupazione Spazi ed Aree Pubbliche (Cosap) e rilascio dei provvedimenti stradali dei grandi utenti, ossia i gestori e i manutentori dell’intera rete di sottoservizi che realizzano interventi come per esempio le reti elettriche per i servizi stradali o le reti di distribuzione per le telecomunicazioni. Con questo documento sono state recepite le nuove normative e, come previsto dal “decreto scavi” poi convertito in legge, è stata tolta la polizza fideiussoria garantendo più celerità per le autorizzazioni.

Marco Gargini

Tags: