Città metropolitana

Cultura, dalla Città metropolitana di Firenze stanzia 900mila euro per 80 progetti

Share
CONDIVIDI
martedì 12 giugno 2018

La Scuola di Musica di Fiesole ha ottenuto 56mila euro. 11mila all’Accademia della Crusca

La Città Metropolitana di Firenze ha finanziato una ottantina di progetti presentati da enti ed associazioni culturali del territorio. Le richieste avanzate sono state in tutto 143, quelle ammesse al bando 141 e, infine, quelle finanziate poco più della metà. «Abbiamo aumentato di 200mila euro il fondo destinato a progetti e iniziative culturali – ha dichiarato il sindaco metropolitano Dario Nardella – Siamo soddisfatti di come sia stata accolta la sfida lanciata dalla MetroCittà per presentare proposte di qualità sulla base di criteri specifici».
Per ottenere il contributo richiesto ogni progetto è passato al vaglio di una commissione. Tra i parametri premiali, tra le varie cose, il carattere di straordinarietà, innovazione e promozione della formazione culturale dei destinatari, il coinvolgimento di scuole, giovani e periferie.
Tra quelli finanziati, l’Accademia della Crusca ha ottenuto poco più di 11mila euro per il progetto «Incontra la Crusca». Il progetto che ha ricevuto un maggior contributo è stato quello della Scuola di Musica di Fiesole. «Viaggio attraverso la Città Metropolitana fra musica e arte», infatti, ha ottenuto 56mila euro. La musica è quella che ha ricevuto più finanziamenti. L’associazione Zenart ha ottenuto 38mila euro per il «Firenze Jazz Fringe Festival», la Fondazione Orchestra Regionale della Toscana 28.500 euro per «L’Estate dell’Ort in Città Metropolitana», Toscana Classica 28mila euro per «Toscana Classica nella Città Metropolitana», stessa cifra per il «Musart festival 2018» dell’associazione Musart e per il «Programma di sviluppo del talento emergente della Città Metropolitana» a cura del Campus della Musica di Empoli. Finanziamenti sono andati, tra i vari progetti, anche per il teatro, per la danza, per i fumetti e per le fiabe.
«È emerso un disegno culturale ricchissimo che presenta i tratti di una vera e propria “Estate metropolitana” – ha concluso Nardella – Chi non è stato ammesso questa volta potrà perfezionare il suo progetto e presentarlo al prossimo bando».

Marco Gargini

Tags:
Back to Top