Città metropolitana

Dantedì, i volti delle videoletture dantesche su Florence TV

Share
CONDIVIDI
mercoledì 25 marzo 2020

Ecco il nostro montaggio-omaggio a Dante Alighieri nel giorno del primo “Dantedì”, il giorno che celebra l’avvio del viaggio narrato dal Sommo Poeta nella Divina Commedia. Sono 67 i contributi che abbiamo ricevuto complessivamente in pochi giorni da parte di tanti cittadini e cittadine: buon ascolto!

Florence TV, web tv della Città metropolitana di Firenze, partecipa al Dantedì, il giorno ideato dal Mibact per celebrare il Sommo Poeta. Perché proprio il 25 marzo? Perché sarebbe proprio il 25 marzo il giorno in cui prese avvio il viaggio che Dante racconta nella Divina Commedia.
Per prendere parte al Dantedì, seppure in modo solo virtuale, Florence TV ha chiesto ai propri lettori e lettrici di inviare alla redazione una videolettura dantesca.
La risposta, dati anche i tempi brevi della richiesta, è stata oltre ogni aspettativa: sono 65 i contributi ricevuti complessivamente (un lettore ha inviato due letture), 35 lettori e 30 lettrici. Un contributo è stato inviato “di coppia”.
La lettura preferita si conferma il canto V dell’Inferno, ma non mancano le rime (in particolare: Guido i’vorrei, che tu, Lapo ed io…) e una epistola, quella all’amico fiorentino. Tra le curiosità, segnaliamo “la canzone della selva oscura”, cantata e suonata con la chitarra.
Tra i lettori e le lettrici del video realizzato da Florence TV segnaliamo, in ordine alfabetico: Beppe Dati, Paolo Ermini (direttore Corriere Fiorentino), Fabio Galati (capo redattore Repubblica Firenze), Alessandro Paci, Agnese Pini (direttrice La Nazione).
I contributi video sono stati editati, con alcuni tagli, per realizzare un video unico (durata: 59 minuti) e, in seconda battuta, sono stati caricati integralmente all’interno di una specifica playlist sul canale YouTube di Florence TV.
Come detto in fase di lancio dell’iniziativa, oltre che sul sito www.florence.tv e YouTube, il video corale viene diffuso su tutti i canali collegati alla testata e alla Città metropolitana di Firenze: facebook, Twitter, Instagram, Telegram e TikTok.

[a cura di Agnese Fedeli - si ringrazia, per la collaborazione, Michele Brancale e Domenico Costanzo]

Tags: