comuni, firenze

Firenze, aperta la rinnovata passerella dell’Isolotto

Share
CONDIVIDI
venerdì 12 gennaio 2018

Terminati i lavori di sostituzione della campata centrale. Opera simbolo del quartiere, oltre che infrastruttura molto utilizzata dai cittadini: il primo ponte in questa zona fu inaugurato dal sindaco La Pira nel 63’

Riaperta al transito la rinnovata passerella ciclopedonale dell’Isolotto a Firenze, interessata da importanti lavori di ristrutturazione. Un’opera simbolo del quartiere, oltre che infrastruttura molto utilizzata dai cittadini per andare dall’Isolotto alle Cascine, se si pensa che il primo ponte in questa zona fu inaugurato dal sindaco La Pira nel 63’.

Dal 1997 la passerella è stata sottoposta ad una serie di verifiche per monitorarne la stabilità. Il monitoriaggio è diventato continuo in seguito di alcuni problemi strutturali rilevati nel 2011. Nel 2015, è emersa la necessità di procedere a un intervento urgente, con la chiusura della passerella, propedeutico ad un nuovo lavoro definitivo da effettuarsi a breve.
La progettazione di una riqualificazione totale della passerella, a cura di Giacomo Morano, ingegnere e docente dell’Università di Firenze, arriva nel 2016. La scelta progettuale è quella di rinnovare la struttura tramite il ripristino e il rinforzo delle mensole in calcestruzzo armato precompresso e con la sostituzione della campata centrale in cemento armato con una in acciaio-calcestruzzo, più leggera e priva di contrappesi.
I lavori sono stati consegnati a maggio 2017 all’impresa aggiudicataria: importo complessivo pari a poco più di 610mila euro, che con Iva, spese tecniche, collaudo e interventi relativi a illuminazione e accessi arrivano a circa 950mila euro.
La chiusura al transito in fine giugno, quando, dopo una serie di operazioni in laboratorio, prendono avvio i lavori sul posto. All’inizio di settembre la calata della vecchia passerella su due pontoni galleggianti e la sua successiva demolizione. Il 9 ottobre il varo della nuova travata centrale in acciaio.

Nell’ultima fase dei lavori, a partire da inizio novembre, si è registrato un forte calo della produttività del cantiere, che ha comportato il superamento del termine contrattuale. Dopo diversi ordini di servizio con cui la direzione lavori ha richiesto l’esecuzione delle lavorazioni residue e il ritorno a i normali ritmi lavorativi, disattesi dalla impresa, l’Amministrazione comunale ha avviato la procedura di risoluzione contrattuale per grave inadempimento dell’appaltatore, fissando il termine per la ripresa dei lavori al 22 dicembre, in seguito alla quale i lavori sono ricominciati. La riapertura definitiva il 9 gennaio 2018, alla presenza di tantissimi abitanti del quartiere e non solo.

Agnese Fedeli

Tags:
Back to Top