Città metropolitana, firenze

“Han Yuchen. Il regno della purezza” in mostra a palazzo Medici Riccardi

Share
CONDIVIDI
lunedì 8 luglio 2019

L’esposizione, che al suo centro ha i magnifici paesaggi e monasteri del Tibet, durerà fino al 28 luglio

Una mostra a Palazzo Medici Riccardi davvero inedita, non solo per la remota identità culturale dell’autore che ospita, lontana nello spazio e nella mente, ma anche per la scelta da parte dell’autore stesso di un soggetto altrettanto misterioso e inesplorato. La mostra, curata da Cristina Acidini e intitolata Han Yuchen. Il regno della purezza, racconta l’opera pittorica del cinese Yuchen e nasce da un’idea di Xiuzhong Zhang, Presidente della Zhong Art International, personaggio votato a mantenere vivo il dialogo interculturale tra Italia e Cina. La selezione delle opere di Yuchen presso Palazzo Medici Riccardi presenta tele eseguite mediante pittura a olio e incentrate su un unico tema: la regione autonoma del Xizang, cioè “Zang occidentale”, ovvero il cosiddetto Tetto del mondo, il Tibet, regno incontaminato e popolato d’esistenze innocenti che emerge nei suoi quadri sotto forma di sguardi smarriti di gente comune, paesaggi malinconici e deserti, animali dalle sagome soffuse. La mostra sarà aperta fino a domenica 28 luglio.

Il centro dell’esposizione è il Tibet, con i suoi paesaggi mozzafiato, i monasteri spettacolari, le montagne altissime, le antiche città perdute, la sua cultura millenaria e su tutto i suoi abitanti. Han Yuchen identifica in questa regione, innevata e mistica, il regno di una “purezza” riposta nel candore fisico e spirituale. “I tibetani sono gente modesta e tenace” racconta l’artista. “I loro occhi sono pieni di gentilezza… La bellezza del Tibet sta proprio nella sua gente che vive felicemente e in maniera pacifica, ma in maniera intensa e passionale. La loro felicità mi commuove, per cui attraverso la mia arte cerco di portare quella gioia ad altre persone”. Han Yuchen è deputato al Congresso Nazionale del Popolo della Repubblica Popolare Cinese.
Cesare Martignon

Tags: