Città metropolitana, comuni, firenze

Io sono Aptis: in prova a Firenze il bus 100% elettrico

Share
CONDIVIDI
martedì 26 marzo 2019

Presentazione in Piazza Santa Maria Novella per bus lungo 12 metri (ma ingombrante come uno di 9), dotato di 4 ruote motrici e sterzanti. Aptis può trasportare ben 100 passeggeri

Con una delle flotte di mezzi dedicati al servizio pubblico meno obsolete e più efficiente d’Italia, Firenze ora pensa solo o quasi elettrico: nei prossimi mesi verrà provato nel capoluogo toscano il prototipo di autobus elettrico Alstom Aptis. Il sindaco della città Dario Nardella in Olanda qualche mese fa si è fatto promettere dall’amministratore di Alstom di far pervenire a Firenze, prima in Italia, un mezzo di questa tipologia di autobus in prova, dalle caratteristiche tecniche innovative e sorprendenti. Aptis è 100% elettrico, lungo 12 metri ma ingombrante come uno di 9, per le sue peculiarità: infatti è dotato di 4 ruote motrici e sterzanti; può trasportare ben 100 passeggeri e in questo ricorda i mezzi presenti di solito negli aeroporti, con i quali condivide anche l’altezza bassa e la conformazione amichevole con i disabili; con 20 metri quadrati calpesatabili e superfici vetrate di grosse dimensioni Aptis permette ai passeggeri una visuale a 360°.

Aptis è stato progettato e verrà prodotto da un’unica azienda, il che garantisce una manutenzione più effiicente nei suoi 20 anni di ciclo vitale. Ataf Gestioni e Busitalia stanno sperimentando sul campo diverse tipologie di veicoli elettrici per verificarne i livelli di prestazioni, autonomia e percorrenza in relazione alla sovrapponibilità con i servizi urbani attualmente svolti con mezzi alimentati a gasolio e ibridi . Con le medesime finalità nei prossimi mesi Ataf effettuerà ulteriori test anche con autobus di diverse dimensioni ma sempre a trazione 100% elettrica. Gli autobus elettrici rappresentano senz’altro una svolta sul versante della mobilità sostenibile, verso cui è spostata l’attenzione ed una quota sempre più importante degli investimenti messi in campo da Busitalia e dalle sue partecipate per il rinnovo della flotta autobus.

Cesare Martignon

 

Tags: