Città metropolitana

“La Toscana che si muove”, la Regione fa il bilancio sulle politiche per la mobilità

Share
CONDIVIDI
mercoledì 2 ottobre 2019

E’ una Toscana che si muove verso il futuro con nuovo slancio e grande entusiasmo quella che esce dalla giornata di studio che si è svolta nell’Auditorium di Sant’Apollonia a Firenze, con al centro il bilancio di cinque anni di politiche regionali per la mobilità. Una giornata in cui è stato fatto il punto della situazione sulle grandi opere che sono in cantiere e quelle che nei prossimi anni cambieranno il modo di spostarsi nella regione. E al centro di queste politiche non possono che esserci Firenze e la sua Città Metropolitana, crocevia di tutte le principali grandi opere.
Il tema del miglioramento del Trasporto Pubblico Locale è stato al centro delle politiche regionali. Da questo punto di vista Firenze è risultata negli ultimi anni in prima fila e lo sarà nel futuro con il completamento della stazione dell’Alta Velocità, che permetterà di aumentare i treni regionali in arrivo a Santa Maria Novella.
Nei prossimi anni saranno realizzate altre tre linee tramviarie, con l’obbiettivo di cambiare radicalmente il modo di muoversi in città e l’impatto ambientale del trasporto pubblico locale.
Tra il 2014 e il 2019 la Regione ha investito con risorse proprie 5,4 miliardi di euro per infrastrutture e mobilità e altri 13 miliardi sono già programmati e riferiti quasi esclusivamente ad opere di competenza nazionale. La Toscana adesso chiede che queste opere siano sbloccate dal Governo.
La Regione Toscana ha posto particolare attenzione negli ultimi anni su alcuni temi strategici: La cosiddetta “cura del ferro”che ha riguardato treni e sistema tramviario fiorentino. La viabilità e la sicurezza stradale, il trasporto su gomma e le ciclovie.
Nicola Giannattasio

Tags: