calenzano, campi bisenzio, castelfiorentino, Città metropolitana, dicomano, fucecchio, lastra a signa, montelupo fiorentino, San Casciano in Val di Pesa, Scandicci, Signa

L’Ape Regina della cultura vola sulla Città Metropolitana

Share
CONDIVIDI
martedì 26 settembre 2017

Cinema, teatro, musica a bordo della tre ruote di casa Piaggio a giro per dieci comuni della MetroCittà

Un’Ape Piaggio 50 rossa fiammante, simbolo di toscanità, che porta la cultura a spasso per i comuni della Città Metropolitana, tra piazze, giardini, biblioteche e luoghi d’incontro. Il progetto, elaborato in collaborazione con la MetroCittà, si chiama «Ape Regina – Il teatro su tre ruote» ed è targato “Teatrodante Carlo Monni”. «Siamo davanti a un’iniziativa originale che ha il merito di sottolineare il legame culturale che unisce la geografia di un territorio» ha dichiarato il consigliere metropolitano delegato alla Cultura e sindaco di Campi Bisenzio, Emiliano Fossi. Saranno quattordici gli appuntamenti gratuiti diffusi su ben dieci comuni: Calenzano, Campi Bisenzio, Castelfiorentino, Dicomano, Fucecchio, Lastra a Signa, Montelupo Fiorentino, San Casciano in Val di Pesa, Scandicci e Signa.

Il primo appuntamento martedì 26 settembre alle 21 nel giardino della campigiana Villa Rucellai con “Benvenuti in casa Gori”, film di Alessandro Benvenuti proiettato su uno schermo posto proprio sopra l’Ape. Non solo cinema. A bordo dell’Ape Regina viaggerà il teatro musicale attraverso lo spettacolo “Le canzoni sfortunate” con Nicola Pecci e Lorenzo Socci, uno scambio generazionale tra un insegnante che fa conoscere la musica di Fabrizio De André a un rapper, e il progetto “Pianissimo” dello scrittore messinese Filippo Nicosia. E ancora le storie per l’infanzia di Gianni Rodari “Favole al telefono”, la musica dal vivo dei “Mal Viventi”, al secolo Nicola e Federico Pecci, e l’adattamento di “La briscola in cinque”, che su Sky ha assunto il nome di “I delitti del BarLume”, con Andrea Bruno Savelli e Sergio Forconi.

Questo progetto ha visto i natali nel territorio di Campi Bisenzio, che lo ha sperimentato questa estate per quanto concerne la branca cinematografica. L’obiettivo, adesso, è quello di allargarlo a macchia d’olio.

Marco Gargini

Tags: