Città metropolitana, firenze

Mercoledì 22 novembre il Consiglio metropolitano di Firenze

Share
CONDIVIDI
domenica 19 novembre 2017

Dodici i punti all’ordine del giorno, di cui tre inerenti la scuola e tre la viabilità

È convocato per il 22 novembre in palazzo Medici Riccardi il Consiglio metropolitano di Firenze. Dodici i punti all’ordine del giorno. Partiamo dal governo dell’ente: in discussione, tra l’altro, una variazione al bilancio di previsione 2017-2019, l’aggiornamento del documento unico di programmazione sull’obiettivo operativo del commissario straordinario per la strada regionale 429 e i piani triennali 2017-2019 delle opere pubbliche, del fabbisogno del personale e delle alienazioni e valorizzazioni. All’ordine del giorno inoltre il debito fuori bilancio per i lavori di risanamento conservativo e per il recupero a percorso museale degli ambienti interrati del Cortile Michelozzo in palazzo Medici Riccardi.

Relativamente alla scuola, il Consiglio passerà all’approvazione del piano territoriale della programmazione dell’offerta formativa e del dimensionamento della rete scolastica per l’attuale anno scolastico. In discussione anche la conferma delle tariffe di concessione delle palestre scolastiche per il 2018, l’acquisizione di terreni occupati per la realizzazione del polo scolastico di Empoli e la proroga della concessione dei locali al Museo per la matematica a San Bartolo a Cintoia.

Per quanto riguarda le strade, punto importante sarà quello che riguarda la convenzione per la progettazione della variante di Troghi nell’ambito dei lavori di ampliamento alla terza corsia dell’A1 tra Autostrade per l’Italia, Comune di Rignano sull’Arno e Città Metropolitana di Firenze. Infrastrutture in primo piano anche con l’accordo tra MetroCittà, Regione Toscana, Unione dei Comuni del Mugello e Comuni di Barberino di Mugello e di Scarperia e San Piero per la progettazione di fattibilità della variante alla SR 65 in località Cafaggiolo.

Per il sociale, a Palazzo Medici l’approvazione dell’accordo tra Regione Toscana e pubbliche amministrazioni aderenti alla rete Re.A.Dy. per progetti di inclusione sociale per le persone lesbiche, gay, bisessuali, transgender e intersessuali.

Marco Gargini

Tags:
Mercoledì 19 luglio il Consiglio della Città Metropolitana di Firenze
<