Città metropolitana

Musica a Palazzo Medici Riccardi

Share
CONDIVIDI
martedì 9 ottobre 2018

Fortissimissimo Festival Metropolitano e il ciclo “Incontra la Crusca” portano alcuni appuntamenti musicali a Palazzo Medici Riccardi

Dopo il contributo al Fortissimissimo Festival Metropolitano, che ha portato in Palazzo Medici, tra l’altro, il concerto del Quartetto Adorno, torna la musica in Palazzo Medici Riccardi, sabato 6 ottobre 2018 alle ore 17 a Firenze, nella sala Luca Giordano del Palazzo che ospita la sede della Città Metropolitana di Firenze, sono state premiate le due giovani vincitrici della XIII edizione del Premio Nazionale delle Arti indetto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Sara Celardo e Diletta Sereno: coinvolgente e emozionante il loro concerto rispettivamente di arpa e chitarra. Il concerto è stato realizzato dall’Accademia della Crusca in collaborazione con il Conservatorio di Musica “Luigi Cherubini” di Firenze e la Città Metropolitana di Firenze e fa parte del programma “Incontra la Crusca”, una serie di incontri, spettacoli, concerti, mostre e visite che hanno lo scopo di far conoscere l’Accademia della Crusca e la lingua italiana al pubblico più ampio. “Incontra la Crusca” è realizzato in collaborazione con Unicoop Firenze e con un co-finanziamento della Città Metropolitana

Il progetto offre per il periodo settembre-dicembre 2018 un ricco e variegato programma di spettacoli, visite, incontri, mostre, concerti, che hanno lo scopo di avvicinare e far conoscere l’Accademia, la sua storia e le sue attività a un pubblico ampio. Nella sede dell’Accademia, grazie alla collaborazione della Compagnia delle Seggiole, del Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze e dell’associazione culturale Il Foyer-Amici della Lirica, verranno messi in scena spettacoli e concerti dedicati al tema della lingua italiana. Sarà inoltre possibile visitare una mostra di documenti originali dedicata al Vocabolario della Crusca e alle sue edizioni, a cui gli accademici hanno lavorato dal Seicento al Novecento.

Cesare Martignon

Tags: