Città metropolitana, comuni, firenze

Resolute, città resilienti e mobilità

Share
CONDIVIDI
venerdì 27 aprile 2018

Convegno in Palazzo Vecchio a Firenze

Si è svolto l’atto conclusivo di “Resolute – RESilience management guidelines and Operationalization appLied to Urban Transport Environment“, progetto europeo nato con l’obiettivo di migliorare la gestione dei sistemi di trasporto urbano nelle città europee in situazioni di crisi e definire delle linee guida che sono state sviluppate e testate proprio nel capoluogo fiorentino. Resolute ha come capofila il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione (DINFO) dell’Ateneo fiorentino con il laboratorio DISIT ed è stato finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma quadro per la ricerca e l’innovazione Horizon 2020. Il progetto riconosce innanzitutto la profonda trasformazione in atto degli ambienti urbani in considerazione delle esigenze ecologiche, umane e complessive di sicurezza e protezione, nonché la crescente importanza della mobilità all’interno di ogni attività umana. La sostenibilità sta rapidamente diventando un’esigenza imperativa in tutti i campi economici e sociali. Tra le molte cose, ciò richiede un aumento dell’efficienza operativa complessiva in momenti di crisi, principalmente ottimizzando l’allocazione e l’utilizzo delle risorse disponibili (tecnico organizzative e umane), cercando al contempo di minimizzare continuamente i disagi e disfunzioni.

Si parla quindi di resilienza come un utile modello di gestione, all’interno del quale le capacità di adattabilità sono considerate di primaria importanza. Piuttosto che mirare alla continua crescita economica e finanziaria delle aziende e delle quote di mercato, le organizzazioni devono generare la capacità di adeguarsi continuamente a ambienti operativi in continua evoluzione, privilengiando la capacità di adattarsi ai momenti di crisi.

A Firenze si raccolgono e studiano i tanti dati che ogni giorno la città produce (stato del traffico, comportamento delle persone in macchina, i dati della tramvia, del trasporto pubblico ATAF, attività wifi, sui social network); da qui è nata una tecnologia per organizzare al meglio la risposta della città ad eventi critici ma anche monitorare l’attività quotidiana, tecnologia non solo per addetti ai lavori, ma anche per gli utenti. Tantissime informazioni a disposizione del Comune di Firenze, delle partecipate e di tutti gli attori che hanno un ruolo cruciale nella gestione delle criticità (come i Vigili del Fuoco, il 118, la protezione civile) e che possono essere utilizzate in sinergia per rispondere agli eventi che si verificano. Resolute è un percorso che ha permesso di attivare relazioni tra i diversi soggetti, per lo scambio e la condivisione di questi dati e che sono accessibili tramite una dashboard, realizzata dall’Università di Firenze, per i decision maker, per attivare i processi di risposta più idonei o prendere le decisioni migliori sulla base degli scenari in corso. Non solo, grazie a questo sistema è possibile creare un meccanismo di early warning: grazie al monitoraggio dei dati si può così prevedere l’evoluzione di una situazione o individuare una criticità sul nascere.

Cesare Martignon

 

Tags: