castelfiorentino, certaldo, empoli, gambassi terme

SR 429, i lavori del V lotto termineranno in primavera

Share
CONDIVIDI
mercoledì 26 settembre 2018

Procedono secondo i tempi previsti e, anzi, addirittura lievemente in anticipo sulla tabella di marcia i lavori per il completamento del quinto lotto della nuova strada regionale 429, arteria che attraversa l’Empolese Valdelsa. Il quinto lotto è quello che va da Brusciana, nel comune di Empoli, fino a Dogana, nel territorio comunale di Castelfiorentino, e la conclusione è prevista per la primavera del 2019. Un passo che procede in maniera spedita grazie anche all’ottima sinergia tra gli enti. Istituzioni che si sono recate in sopralluogo a monitorare l’andamento dei lavori. Vi hanno preso parte l’assessore regionale alle Infrastrutture, Vincenzo Ceccarelli, i sindaci dei Comuni coinvolti, ed i rappresentanti della Città metropolitana di Firenze, guidati dal commissario regionale, l’ingegner Alessandro Annunziati.
L’empolese e la Valdelsa sono un cuore pulsante dal punto di vista produttivo e anche turistico. E aspettano questa opera ormai da molti anni. Lo scorso 28 agosto, inoltre, è stata bandita la gara per il completamento del quarto lotto, quello che da Dogana arriva fino alla strada provinciale Volterrana nel territorio comunale di Gambassi Terme. Il termine ultimo per presentare le offerte è l’8 ottobre, poi parola alla commissione che selezionerà il vincitore probabilmente entro la prossima primavera. Contemporaneamente verrà aperta la conferenza dei servizi per il progetto definitivo del terzo lotto da Castelfiorentino a Certaldo. Come assicurato dall’assessore Ceccarelli, entro l’estate del 2019 ci sarà il progetto esecutivo che porterà, poi, alla gara. Molta attenzione è stata riservata alla sicurezza e ad una gestione controllata del cantiere, in linea con l’accordo stretto tra la MetroCittà ed i sindacati, con l’obiettivo di contrastare il ricorso al lavoro non di qualità e non rispettoso dei contratti collettivi e delle leggi in materia di lavoro e di salute. Oltre a garantire una maggiore sicurezza sul lavoro, tutto ciò si è rivelato un vero deterrente contro le infiltrazioni della criminalità organizzata.
Marco Gargini

Tags:
Back to Top