certaldo, Città metropolitana, comuni

Teatro Valdelsa: “Una stagione per tre”

Share
CONDIVIDI
mercoledì 20 settembre 2017

Grandi nomi e 40 spettacoli in cartellone tra Certaldo, Poggibonsi e Colle Val d’Elsa

Tre teatri in Valdelsa a pochi minuti di distanza l’uno dall’altro propongono per la stagione 2017/2018 ben 40 spettacoli e tante formule di abbonamento variabili e modulari, sia classici e stanziali (7 spettacoli per lo stesso teatro o 13 su due teatri) sia leggeri e “itineranti” (3 spettacoli, 1 per ciascun teatro), per una gamma di eventi che spazia dalla prosa al teatro di ricerca, dal clown al cabaret, dalla danza alla musica classica.
E’ la stagione teatrale 2017/2018 congiunta e integrata dei teatri della Valdelsa: il Boccaccio di Certaldo, il Politeama di Poggibonsi e il Teatro del Popolo di Colle Val d’Elsa, illustrata anche alla presenza dell’attore Paolo Ruffini.
Tre teatri insieme, quindi, per un unico polo teatrale valdelsano sempre più consolidato: 27 gli spettacoli in abbonamento (22 di prosa e 5 di musica classica), undici gli spettacoli fuori abbonamento; più la rassegna Maggio Amatoriale, con le compagnie teatrali certaldesi.
Grandi nomi del teatro e della tv, ma anche outsider di richiamo internazionale, si alterneranno tra novembre e maggio, sui palchi dei tre teatri che complessivamente contano 1500 posti.

Citiamo alcuni degli spettacoli in calendario: “Il berretto a sonagli” di Pirandello, “Mariti e Mogli”, tratto dall’omonimo film di Woody Allen, “Bukorosh, mio nipote”, “Medea” di Euripide per la regia di Luca Ronconi. Michele Riondino interpreta Giulio Cesare di Shakespeare.
E ancora, si potranno vedere “La signora delle camelie” e “Vetri Rotti” di Arthur Miller, lo shakespeariano “Sogno di una notte di mezza estate” interpretato, tra gli altri, da Giorgio Pasotti, Violante Placido e Paolo Ruffini. A fine stagione, “Chi è di scena”, di e con Alessandro Benvenuti.
In ciascun teatro le informazioni su date, costi, orari, vendita e prevendita, per una cultura sempre più diffusa, fruibile e metropolitana.

(A.F.)

Tags: