Città metropolitana, comuni, firenze

Uffizi, nuova sala di Leonardo da Vinci

Share
CONDIVIDI
domenica 15 luglio 2018

Gli Uffizi aprono al pubblico la nuova sala di Leonardo, un mese dopo l’apertura di quella di Raffaello e Michelangelo

La sala di Leonardo e quella di Michelangelo e Raffaello celebrano un periodo unico per la storia dell’arte: quando a Firenze vissero e dipinsero a distanza di pochi anni tre dei più grandi artisti del Rinascimento italiano. Gli Uffizi aprono al pubblico la nuova sala di Leonardo, un mese dopo l’apertura di quella dedicata a Raffaello e Michelangelo. Non è un caso che queste inaugurazioni siano a così breve distanza, i due ambienti infatti sono separati solo dal Recetto delle iscrizioni, un “corridoio” che rievoca l’allestimento voluto da Cosimo III dei Medici e realizzato da Giovan Battista Foggini alla fine del Seicento. Nella sala numero 35 nell’ala ovest delle Gallerie si possono ammirare in tutta la loro bellezza il Battesimo di Cristo, l’Annunciazione e l’Adorazione dei Magi restituita dall’Opificio delle pietre dure – che l’ha restaurata – a fine del marzo 2017 dopo 5 anni di lavoro. Le tre opere risalgono al periodo tra il 1475 (anno in cui iniziò il Battesimo) e il 1482 quando l’artista si trasferì a Milano lasciando incompiuta l’Adorazione dei Magi.

Amici degli Uffizi e Friends of the Uffizi sono stati fondamentali per la realizzazione della nuova esposizione che si distingue – come già quella di Botticelli, Caravaggio, Raffaello e Michelangelo – per un’attenta ricerca tecnologica e di design delle teche che contengono i dipinti da parte dell’architetto e curatore del patrimonio architettonico del museo, Antonio Godoli. Le teche vetrate, che mantengono la condizione climatica ottimale, permettono di osservare i capolavori da vicino, riuscendo a notare i dettagli più piccoli.

L’inaugurazione della nuova sala è il primo di molti eventi che si inseriscono nel contesto delle celebrazioni dei 500 anni dalla morte del genio, a Firenze e in tutta l’area metropolitana, tra i quali ci sarà a ottobre l’esposizione del Codice Leicester (dal 1980 noto anche come Codice Hammer): un manoscritto di Leonardo da Vinci, comprendente 36 fogli databili tra il 1506 e il 1510, unico dei codici di Leonardo ad essere in mano a privati, è oggi di proprietà di Bill Gates che per l’occasione lo cede alla celebre gallerìa fiorentina.

Cesare Martignon

 

Tags: