Città metropolitana

Visita a Sant’Orsola, com’è e come sarà

Share
CONDIVIDI
venerdì 2 novembre 2018

In visita a Sant’Orsola, nel cuore di San Lorenzo a Firenze. Gruppi di cittadini hanno potuto visionare l’antico monastero, sede di un importante scavo archeologico in cui è stata rinvenuta la tomba di Lisa Gherardini, la probabile modella della Gioconda dipinta da Leonardo da Vinci. Finalmente, grazie all’intervento della Città metropolitana di Firenze che ha messo sul piatto circa 4,5 milioni di euro, tra la fine del 2018 ed il 2019 prenderanno il via alcuni lavori di riqualificazione. Un intervento necessario per preservare l’intera struttura dalle intemperie e dagli eventi climatici, visto che saranno rifatte anche le coperture (costo 1,63 milioni di euro) in un’area di oltre quattromila metri quadrati. Poi, nel 2019, partirà un secondo cantiere per il rifacimento delle facciate risalenti ai primi del Trecento per un importo di 2,8 milioni di euro. Prima dei lavori, però, sono state organizzate delle visite guidate aperte a tutti per raccontare la storia del monastero e cosa l’aspetterà in futuro. Un luogo mistico che nei secoli ha cambiato varie volte destinazione d’uso, da luogo di culto a manifattura Tabacchi fino agli invasivi lavori per trasformarlo in una caserma della Guardia di Finanza che ne hanno profondamente mutato gli interni con varie colate di cemento.
Le intenzioni sono quelle di rivalorizzare un ambiente che vede ancora, per esempio, resti di affreschi e capitelli di assoluto valore storico e artistico. Tanti i cittadini, gli studenti ed i turisti che hanno preso parte alle visite a Sant’Orsola, tutti molto interessati alle spiegazioni storiche delle guide di Mus.E. ed agli approfondimenti dell’archeologa Valeria D’Aquino, che ha mostrato gli scavi della chiesa del monastero dove nel 1542 fu sepolta Lisa Gherardini che aveva vissuto gli ultimi anni della sua vita a fianco della figlia Marietta, monaca a Sant’Orsola conosciuta come suor Ludovica.
Marco Gargini

Tags:
Associazioni culturali fiorentine in mostra a Palazzo Medici Riccardi