firenze

Dal 31 marzo stop ai veicoli più inquinanti in ztl e fascia viali Gramsci e Matteotti

Share
CONDIVIDI
mercoledì 31 Marzo 2021

Il Comune aveva richiesto al Ministero dell’Ambiente una deroga di 18 mesi per le ditte artigiane, ma non ha ricevuto risposta alla istanza

Al via il 31 marzo lo stop ai veicoli più inquinanti all’interno della ztl e nella fascia dei viali Gramsci e Matteotti. Sempre dal 31 marzo, sul sito di Sas sarà possibile richiedere i contributi destinati all’acquisto di mezzi ecologico.
Si tratta delle misure adottate da Palazzo Vecchio in attuazione delle disposizioni regionali per il miglioramento della qualità nell’aria: a febbraio 2020 la Regione Toscana ha infatti siglato un accordo con il Ministero dell’Ambiente che prevede l’adozione di misure nei settori maggiormente responsabili delle emissioni inquinanti.  Sulla base dell’accordo attuativo fra Regione Toscana e Comune di Firenze, sottoscritto a settembre 2020, è stato disposto il divieto di accesso e di transito alle auto e ai veicoli merci delle classi diesel Euro 3 ed Euro 4 compreso nell’area della Ztl e nell’area dei viali di circonvallazione tra viale Amendola-Giovine Italia e piazza della Libertà. Si ricorda che era già vietato l’accesso ai veicoli diesel Euro 1 ed Euro 2 e ai mezzi a benzina Euro 1.
Il divieto sarà in vigore dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 18.30. Per 18 mesi, quindi fino al 30 settembre 2022, saranno esonerate dal divieto le auto dei residenti nella zona interessata dallo stop, in modo da garantire un tempo adeguato per l’accesso ai contributi e la sostituzione dei veicoli inquinanti. I divieti non si applicano anche ai veicoli condotti dagli over 70 e altre categorie specifiche.
Il Comune, come spiegato dagli assessori alla Mobilità, Stefano Giorgetti, e all’Ambiente, Cecilia del Re, aveva richiesto a Regione Toscana e Ministero dell’Ambiente una deroga di 18 mesi per le ditte artigiane, ma non ha ricevuto risposta alla istanza presentata al Ministero. I particolari su area vietata e deroghe sono disponibili sul sito del Comune www.comune.fi.it.
Marco Gargini

Tags: