Città metropolitana

Fase 2: riapre l’aeroporto Vespucci di Firenze

Share
CONDIVIDI
mercoledì 6 Maggio 2020

Fase 2: l’aeroporto fiorentino di Peretola riapre e torna operativo, per ora solo per il traffico privato

La riapertura avviene tramite decreto ministeriale, con le firme dei due ministri della salute Roberto Speranza e dei trasporti Paola De Micheli. Oltre all’aeroporto di Firenze, tornerà operativo, su richiesta dell’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, anche l’aeroporto di Ciampino. Questi due aeroporti riapriranno al pubblico per soddisfare le aumentate esigenze di traffico e, allo stesso tempo, diventeranno luoghi dove sperimentare un sistema di screening per il Covid19 dei passeggeri. Lo scalo Fiorentino riprenderà l’attività in maniera graduale e progressiva ed è previsto che dal 18 maggio le piste si riattivino anche con i primi voli di linea nazionali e internazionali. In Toscana abbiamo quindi nuovamente due aeroporti attivi, quello di Firenze e il Galilei di Pisa che non ha mai interrotto la propria operatività, nonostante il drastico calo dei passeggeri e il taglio dei voli della quasi totalità delle compagnie aeree.

A Firenze erano 900 i dipendenti dell’aeroporto in cassa integrazione. Tornano al lavoro e lo fanno con un video celebrativo e bene augurante dal titolo ‘Don’t rush challenge’, associandosi all’omonima iniziativa social di numerosi operatori del settore in tutta Italia. La riapertura sarà ovviamente graduale: al momento, tutti i voli internazionali sono praticamente fermi per il blocco alla frontiera. Ma la futura riapertura intanto dei collegamenti tra Regioni e l’aumentate esigenze di traffico indicate da Enac hanno portato a questa decisione. Da qui al 18 maggio le procedure sanitarie vanno implementate e testate per farsi trovare pronti considerando inoltre che su Peretola e Ciampino verranno sperimentati sistemi di screening e triage dei passeggeri per il Covid 19, facendo si che si possa accedere all’imbarco solo con la garanzia di assoluta non contagiosità di operatori e passeggeri.

Cesare Martignon

Tags: