Città metropolitana, comuni, firenze

Jorit dipinge Gramsci in via Antonio Canova

Share
CONDIVIDI
domenica 29 Novembre 2020

A Firenze, il murale “Odio gli indifferenti” di Jorit per i 130 anni dalla nascita di Antonio Gramsci

Si intitola “Odio gli indifferenti” come l’incipit dell’articolo di Antonio Gramsci che nel 1917 comparve sulla rivista La Città Futura. Perché è proprio Antonio Gramsci il soggetto del nuovo ritratto di Jorit. Dopo il Nelson Mandela di piazza Leopoldo infatti, lo street artist napoletano torna a Firenze per una nuova opera, che stavolta interessa una parete di 213 metri quadri dell’edificio popolare situato ai civici 25/22 di via Antonio Canova in zona Isolotto. Rimanendo fedele al proprio stile, nella fase preliminare dell’operazione, Jorit ha tracciato una nota riflessione gramsciana, tratta dalle Lettere dal carcere, che recita: “Anche quando tutto è o pare perduto, bisogna rimettersi tranquillamente all’opera, ricominciando dall’inizio… La crisi consiste appunto nel fatto che il vecchio muore e il nuovo non può nascere”.

Il progetto anticipa le celebrazioni previste nel 2021 per i 130 anni dalla nascita del grande intellettuale sardo ed è stato promosso dall’associazione culturale Teatro Puccini, in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche giovanili, l’Assessorato alla Casa e il Quartiere 4 del Comune di Firenze e Casa spa.

Servizio e montaggio: Andrea Biagioni
Riprese: Edoardo Zucchetti
Musiche: Giuseppe Scarpato

Tags: