Città metropolitana

Le Vie di Dante, il cammino in Casentino e Pratomagno (parte 2)

Share
CONDIVIDI
venerdì 13 Novembre 2020

Dopo la prima puntata a Poppi e Pratovecchio Stia, si conclude il nostro viaggio in queste splendide terre aretine

Dopo essere stati a Poppi e Pratovecchio Stia, il nostro viaggio è proseguito attraverso le altre realtà del Casentino, fino ad arrivare nei pressi del Pratomagno. Ai piedi di questa dorsale incontriamo il comune di Ortignano Raggiolo.

Scendendo attraverso la strada provinciale 64 si procede verso Bibbiena, ma prima di entrare in paese c’è un luogo legato alla Divina Commedia. Si tratta della foce del torrente Archiano che si immette nell’Arno, raggiungibile attraverso la pista ciclopedonale.

Il sindaco di Bibbiena ha rammentato la vicenda del condottiero ghibellino Bonconte da Montefeltro. Della stessa fazione, nonostante fosse un uomo di chiesa, faceva parte pure Guglielmino degli Ubertini, il cosiddetto “Vescovo guerriero”. Tra mito e leggenda, si narra che la strategia ghibellina della battaglia di Campaldino sia stata fatta al castello di Chitignano.

Da Chitignano, come dalle altre parti del Casentino, passerà il cammino di Dante.

Truppe ghibelline al castello di Chitignano, soldati guelfi a Spedale, una antica località ai piedi di Borgo alla Collina, nel territorio comunale di Castel San Niccolò, dove fiorentini ed alleati crearono una sorta di infermeria in cui venivano curati i feriti. Proprio a Borgo alla Collina c’è una accademia legata alla figura del sommo poeta.

Il progetto delle “Vie di Dante” può diventare un volano importante per il turismo

Tornando verso est, è possibile salire fino ad un luogo in cui silenzio e preghiera si fondono in un paesaggio mistico, con un panorama mozzafiato. È il Santuario francescano della Verna, sul Monte Penna.

Naturalmente, anche il Comune di Chiusi della Verna ha aderito alle “Vie di Dante”.

Il nostro viaggio in Casentino e Pratomagno sulle orme di Dante Alighieri si è concluso. Il nostro cammino, però, non termina certamente qui. Alla prossima avventura.

Marco Gargini

Tags: