comuni, firenze

Presentati l’attività lirico-sinfonica 2020/2021 e il Festival del Maggio Musicale Fiorentino

Share
CONDIVIDI
sabato 11 Luglio 2020

Undici mesi di programmazione ininterrotta, da fine agosto 2020 a fine luglio 2021.

L’attività artistica del Maggio prende solennemente avvio il 30 e 31 agosto 2020 con due importanti e significative esecuzioni della Messa da Requiem di Giuseppe Verdi dirette da Zubin Mehta in piazza della Signoria a Firenze e prosegue per 11 mesi consecutivi (8 di stagione e 3 di Festival) che vedono un susseguirsi di star del panorama artistico musicale mondiale tra cui Zubin Mehta, direttore onorario a vita del Maggio, il nostro ex direttore musicale Riccardo Muti, e l’eccezionale presenza di James Levine. Saranno undici mesi di programmazione ininterrotta, da fine agosto 2020 a fine luglio 2021.

10 titoli d’opera in stagione e 6 durante il Festival e di questi sono ben 12 i nuovi allestimenti, più di 40 concerti sinfonici (tra stagione e Festival) e poi cinque opere per ragazzi (con 32 recite a loro dedicate) che portano a ventuno gli allestimenti operistici del Maggio, numerosi recital concertistici e di canto, un balletto e le tournée in Italia e all’estero per un totale di oltre 160 giornate di spettacolo.

Il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino riparte con grande slancio dopo la pausa estiva e l’ancor più lungo lockdown offrendo al suo pubblico una stagione ricchissima che prende avvio in modo solenne e significativo con un omaggio alle vittime della pandemia il 30 agosto 2020 con la prima di due esecuzioni della Messa da Requiem di Giuseppe Verdi (secondo concerto il 31 agosto) dirette da Mehta con un’eccezionale cast di voci soliste in piazza della Signoria a Firenze e continua col Festival del Maggio ospitando le voci soliste di fama mondiale di Krassimira Stoyanova, Elīna Garanča mezzosprano di classe assoluta, il grande Francesco Meli e la star mondiale Ildar Abdrazakov; le sue direzioni operistiche saranno l’attesissimo Otello (dal 27 novembre al 19 dicembre), Così fan tutte (dal 28 marzo all’11 aprile 2021), La forza del destino (dal 4 al 20 giugno 2021) e i numerosi appuntamenti sinfonici tra cui l’integrale delle sinfonie di Beethoven, il completamento del ciclo Schubert, e la proposta di un ciclo Brahms.

Per la programmazione lirica e balletto 2020/2021 si alza il sipario operistico il 7 settembre con Rinaldo di Georg Friedrich Händel (altre recite 9, 10 e 13 settembre) che a Firenze verrà messa in scena nel fantastico e ormai storico allestimento di Pier Luigi Pizzi. Si prosegue il 22 settembre con La Rondine musicata da Giacomo Puccini su libretto di Giuseppe Adami nell’allestimento del Teatro del Maggio con la regia di Denis Krief, verrà diretta dal maestro Marco Armiliato. Il terzo titolo ad andare in scena è Nabucco di Giuseppe Verdi nell’allestimento del Teatro Lirico di Cagliari (4, 7, 10 e 13 ottobre) già messo in scena in passato a Firenze. La celebre opera verdiana, con la regia di Leo Muscato, vedrà sul palcoscenico alcune superstar della lirica come Placido Domingo. Ma tutti gli spettacoli in programma sono davvero tanti: per una panoramica completa del cartellone visitare www.maggiofiorentino.com.
Cesare Martignon

Tags: