Città metropolitana

Servizio civile universale: una carrellata di opportunità a Firenze e territorio

Share
CONDIVIDI
giovedì 20 Gennaio 2022

L’assistenza ai minori e agli anziani, la protezione civile, l’ambiente e il territorio. Sono molti i settori in cui i giovani tra i 18 e i 28 anni possono presentare domanda per svolgere un periodo di Servizio Civile. La scadenza per la presentazione è fissata per le 14 di mercoledì 26 gennaio.

Punto di partenza il sito politichegiovanili.gov.it da dove si può accedere a tutta la banca dati dell’offerta in Italia e all’estero. Ampia la disponibilità di progetti messi in campo da associazioni di volontariato ed enti, con programmi che variano tra gli otto e i dodici mesi. Un’importante esperienza formativa per ragazze e ragazzi cui viene riconosciuto un assegno mensile di circa 440 euro.

Anche diverse istituzioni del territorio fiorentino mettono a disposizione i loro progetti per il Servizio civile. La Città Metropolitana di Firenze finanzia ad esempio tre programmi, con tre posti disponibili nei settori turismo, cultura e ambiente. Le sedi di lavoro saranno il Parco Mediceo di Pratolino e l’Ufficio informazioni turistiche. Si tratta di attività di supporto all’ufficio cultura: dalla produzione di materiale informativo alla gestione della comunicazione e della promozione di eventi.

Sempre nel settore culturale, e in particolare nelle biblioteche, c’è il progetto “CAN.BI.A – Cantieri Biblioteche Aperte”. Sono disponibili un posto a Bagno a Ripoli, tre posti a Calenzano, tre a Campi Bisenzio, tre a Sesto Fiorentino, due a Signa.

Due posti in biblioteca sono disponibili anche a Fucecchio. Sempre a Fucecchio ci sono tre posti per il progetto “Educare in rete” nel settore dell’animazione culturale verso i minori. Capofila è il Comune pisano di Santa Croce sull’Arno.

Nella stessa area dell’animazione culturale per i minori e del tutoraggio scolastico di bambini e adolescenti c’è il progetto “Inclusiva-mente” che vede tre posti al comune di Montespertoli e due in quello di Signa.
Damiano Fedeli

Tags: