capraia e limite, cerreto guidi, Città metropolitana, comuni, fucecchio, Vinci

Toscana Terra Etrusca – Un sentiero lungo l’area metropolitana sulle tracce degli Etruschi

Share
CONDIVIDI
domenica 15 Novembre 2020

“Toscana Terra Etrusca” è uno speciale itinerario escursionistico pedonale a cura della Città metropolitana di Firenze, in collaborazione con i Comuni di Fucecchio, Cerreto Guidi, Vinci, Signa, Campi Bisenzio e Firenze, e facente parte di un progetto proposto dalla Regione Toscana per collegare località con emergenze storico e archeologiche sugli Etruschi

L’itinerario “Toscana Terra Etrusca”, ricadente sul territorio della Città Metropolitana di Firenze, è stato portato a termine grazie ad un finanziamento regionale, grazie al quale la Metrocittà ha allestito la segnaletica e messo in sicurezza il percorso che parte da Fucecchio (dalla via Francigena) per toccare poi Cerreto Guidi, Vinci, Limite e Capraia e arrivare, attraverso il crinale del Montalbano, ad Artimino. Da qui, passando per Comeana, fino a Signa, dove è possibile utilizzare la pista pedociclabile esistente per arrivare infine a Firenze e risalire fino a Fiesole. E’ stato aggiunto anche un “braccio” che unisce San Donnino a Gonfieni passando da Rocca Strozzi (Campi Bisenzio).

In questo video realizzato con il drone vi mostriamo la prima parte del percorso, a partire da Fucecchio, da Ponte a Cappiano e dal collegamento con la Via Francigena su via di Ponzano.
Dopo essere entrati nel territorio comunale di Cerreto Guidi, sulla strada vicinale di Casa al Vento fino alla località Scheggia dove risale a nord, sempre su vicinale di uso pubblico, confluendo in Via Barbugiana e via di Petriolo, via di Corliano e via Matteotti, si prosegue in direzione Est (strada della Ripa, vicinale di San Lorenzo, strada comunale presente in destra idraulica del torrente Streda) e si giunge, attraverso le località Casanova e poi da Via Poggio al Vento e Via dei Martiri, a Vinci.

Qui inizia il percorso di crinale che da Via di Belvedere arriva a Via di Santa Lucia e poi prosegue nel bosco per arrivare a Mignana, da dove, percorrendo un altro sentiero, è possibile raggiungere il sito archeologico etrusco di Pietramarina, collocato sulla cima meridionale della dorsale del Montalbano, a 585 metri sul livello del mare, al confine occidentale del territorio del centro etrusco di Artimino. Il sito è stato occupato per un lungo lasso di tempo, che va almeno dalla fine del VII al I secolo a.C., con tracce di frequentazioni preistoriche e medievali.

Un altro sito che vi mostriamo è quello di Montereggi, a pochi chilometri dal centro abitato di Limite, alle pendici meridionali del Montalbano nel punto in cui il fiume Arno esce dallo stretto della Golfolina, in una posizione strategica per il controllo delle comunicazioni e la navigazione fluviale come suggerisce il suo nome, derivato da quello latino di Mons regis, Monte del re. Fin dal V secolo a.C., Montereggi, era utilizzato come scalo fluviale dagli Etruschi per gli scambi commerciali in molte aree della Toscana coma la Val di Cecina, la stessa Valdelsa e la Val di Pesa.

Tags: