bagno a ripoli, Città metropolitana, firenze

Tramvia Firenze-Bagno a Ripoli, indagini archeologiche

Share
CONDIVIDI
mercoledì 10 giugno 2020

Primi sondaggi archeologici nell’ambito dei lavori propedeutici alla linea tramviaria Firenze-Bagno a Ripoli

Nell’ambito dei lavori propedeutici alla realizzazione della nuova linea tramviaria 3-2, Piazza della Libertà – Bagno a Ripoli, la ditta Tram di Firenze, su incarico dell’Amministrazione comunale fiorentina, ha effettuato alcune indagini con tecnologia georadar per la verifica di eventuali presenze archeologiche nelle aree previste per il deposito ed il capolinea. Queste indagini, di tipo non invasivo ovvero che non prevedono scavi, consentono di individuare la presenza di eventuali strutture interrate grazie alla propagazione di onde elettromagnetiche ad alta frequenza. Un’antenna ricevente permette l’acquisizione dei segnali riflessi dai materiali con caratteristiche elettriche e magnetiche anomale o diverse rispetto al normale terreno. Questo tipo di indagine consente quindi di caratterizzare l’area o la struttura analizzata evidenziando, ad esempio, la presenza di zone di elevata umidità, cavità, elementi metallici e aree di transizione tra materiali diversi, senza alterazioni materiali della zona esaminata. I dati acquisiti saranno adesso analizzati dagli esperti e saranno utili per escludere la presenza di eventuali strutture archeologiche e calibrare in modo più efficace il piano dei primi lavori creando una prima mappatura del terreno che pemetterà importanti risparmi in termini di tempo e risorse nelle fasi successive dei lavori.

Cesare Martignon

Tags: