Città metropolitana

FiPiLi, come vanno i lavori tra Montelupo e Ginestra

Share
CONDIVIDI
martedì 1 ottobre 2019

l maxicantiere, avviato a fine maggio 2019, darà a pendolari, automobilisti e camionisti una strada più sicura entro gennaio 2020. Ecco a che punto siamo

50mila veicoli al giorno in prossimità di Firenze, 45mila tra Pontedera e Pisa, 30mila nel ramo di Livorno. Una percentuale di mezzi pesanti che oscilla tra il 17 e il 20%.

Sono i dati più recenti, relativi al 2018, che lasciano intendere il peso del traffico sulla Firenze-Pisa-Livorno, l’arteria lunga quasi 100 km, nel cuore della Toscana, che trovò la sua prima idea progettuale negli anni ’60, nata con il primo tratto Empoli-Ginestra.

Di proprietà della Regione, è in gestione alla Città metropolitana di Firenze, mentre la manutenzione ordinaria è affidata ad Avr attraverso un contratto in modalità Global Service.

Oggi la Firenze-Pisa-Livorno è al centro delle cronache regionali per gli importanti lavori di miglioramento della sicurezza, partiti a fine maggio 2019 e in corso fino a gennaio 2020, tra Montelupo e Ginestra

Si tratta di interventi di riqualificazione profonda della pavimentazione in conglomerato bituminoso per l’intera tratta su entrambe le carreggiate. In corso anche la sostituzione dello spartitraffico centrale e di alcuni tratti delle barriere laterali.

L’obiettivo di questi lavori è duplice: da una parte prolungare la vita utile dell’infrastruttura, rigenerando la capacità portante del piano viabile; dall’altra migliorare la sicurezza della circolazione stradale mediante la realizzazione di una pavimentazione drenante e fonoassorbente e tramite l’ammodernamento delle barriere New Jersey e Guard Rail.

Il traffico ne ha ovviamente risentito, pur in presenza di un serrato piano di informazione che poggia sui notiziari audio-video attivi 7 giorni su 7, dalle 7.30 alle 20, e sul livetweet di “Muoversi in Toscana Info”.

Da notare che la FiPiLi non è mai stata interrotta durante le lavorazioni: il flusso delle auto, pur con i disagi che si sono registrati in varie fasce orarie del giorno, ha sempre continuato a scorrere, limitatamente ad una sola corsia per senso di marcia nel tratto via via interessato dai lavori.

Per agevolare gli spostamenti, sono stati consigliati i percorsi alternativi, tuttora validi, sulla strada provinciale 12 o sulla statale 67 per i tragitti più brevi e sull’autostrada A11 per i viaggi più lunghi. Sollecitata anche la possibilità di spostarsi con il treno, considerando che la Fi-Pi-Li segue la direttrice della linea ferroviaria Firenze-Pisa, sulla quale ogni giorno corrono decine di treni del servizio ferroviario regionale.

Tornando al cantiere, l’investimento per i lavori sul tratto Montelupo-Ginestra supera i 6 milioni di euro. Da ricordare, però, che questo maxicantiere è il primo di una serie di interventi straordinari che complessivamente superano i 26 milioni di euro, che si sommano ad oltre 8 milioni annui di ordinaria manutenzione e ad altri investimenti già previsti.

Oltre al lavoro che si concluderà a inizio 2020, citiamo anche la messa in sicurezza del tratto Montelupo-Empoli Est, costo complessivo di 5,2 milioni di euro, ma anche, tra l’altro, il ripristino della rampa di accesso di via Quaglierini, a Livorno, lavori in corso, termine previsto per febbraio 2020; la manutenzione straordinaria del viadotto San Colombano nell’area fiorentina; l’adeguamento dei giunti delle barriere New Jersey di vari viadotti nel tratto pisano e nel tratto livornese. E ancora, la progettazione, tra l’altro, di un nuovo svincolo per Montopoli e interventi di risanamento acustico nel comune di Scandicci.

Agnese Fedeli

Tags: